Home arrow Storia arrow Personaggi illustri arrow Alfonso Gesualdo
Menu principale
Home
Turismo
Storia
La Ceramica
Folklore
Album
Manifestazioni
Video
Contattaci
Cerca
Comune di CALITRI
Arciconfraternita I.C.
Scienza Viva
Alfonso Gesualdo PDF Stampa E-mail
Figlio di Luigi Gesualdo, Signore di Calitri, nacque a Calitri il 20 ottobre 1540. Egli visse a Calitri fino all'età di 21 anni.

Il 23 febbraio 1561 fu nominato, da Papa Pio IV, Cardinale Diacono dell'arcidiocesi di Conza. Qui svolse la sua opera per ben 10 anni e durante questo periodo l'arcidiocesi conzana divenne una delle più fiorenti del regno. Durante il governo decennale dell'arcidiocesi di Conza egli continuò a dimorare a Calitri.

Nel 1572, dopo aver rinunciato all'arcivescovato di Conza, fu chiamato a Roma da Pio V che lo trasferì all'ordine dei Cardinali Preti e il 9 marzo lo nominò Vescovo subvicario di Albano. Il 1° dicembre 1587, in seguito a una missione diplomatica saggiamente compiuta nelle Marche, fu trasferito al vescovado di Frascati ed in seguito a quello di Porto e di S. Rufina.

Fu nominato, da Clemente VIII, Decano del S. Collegio dei Cardinali. Fu anche Prefetto della Congregazione dei Riti e protettore delle chiese dei regni di Napoli e Sicilia, e del Portogallo. Il 25 febbraio 1596 fu inviato, sempre da Clemente VIII, quale arcivescovo a Napoli, dove trascorse il resto della sua vita. Intervenne all'elezione di sette papi, e fu egli stesso papabile; ma gli impedirono la sua ascesa al trono pontificio, forse, il suo zelo filospagnolo e le tristi vicende familiari di suo nipote Carlo.

Raccolse e pubblicò in un volume le sue Lettere Pastorali. Morì a Napoli il 14 febbraio 1603 e fu sepolto nel Duomo, nella navata sinistra, in un artistico monumento.

In Alfonso Gesualdo i contemporanei ammirarono la sua liberalità e il suo mecenatismo ( volle l'edificazione della sontuosa chiesa di S. Andrea della Valle a Roma, protesse e sostenne poeti ed artisti), la esemplarità dei costumi e le sue doti organizzative.

Padre Gerardo Cioffari nel libro "Calitri uomini e terre nel cinquecento" afferma che "nessun calitrano né prima né dopo di lui ha mai raggiunto la potenza a cui pervenne tra il 1585 ed il 1600 Alfonso Gesualdo".

Il De Lollis dice di lui"... fu infatti Signore per la sua prudenza gentilezza e sapere non mai abbastanza celebrato ed amato universalmente da sommi Pontefici e carissimo ai Re ed altri principi e così intrepido et amator del giusto e dell'onesto…."

Antonio Vaccaro nel suo libro su Carlo Gesualdo dice che fu "amico dei poveri e mecenate di grande liberalità, trattò con munificenza anche il poeta Torquato Tasso".

Il poeta Torquato Tasso nella sua famosa opera "Gerusalemme Conquistata", canto XX, stanza 133 gli dedicò i seguenti versi:

Co' figli di valor, di gloria adorni
frà quali or fonda Alfonso in salda pietra;
e fia ch'Italia al primo onor ritorni,
s'ella mai grazia di adorarlo impetra.
E Carlo, a cui par che Venosa adorni
armi e corone, e la famosa cetra.
Qui l'insegna del cielo e 'l gran cognome
avran dda genti sparse, ancise e dome.
 
< Prec.   Pros. >
Turismo Turismo
Pro Loco Pro Loco
Calitri Antica Calitri Antica
Polisportiva Polisportiva
mercoledý 01 ottobre 2014

© 2014 Calitri.NET