AUTOCERTIFICAZIONE di NASCITA DEL FIGLIO

Cos’è l’Autocertificazione
L’autocertificazione e la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà si inseriscono nel disegno di semplificazione dei rapporti che il cittadino ha con la pubblica amministrazione o con enti che svolgono servizi pubblici (acqua, luce, gas).
L’autocertificazione consente ai cittadini di presentare, in sostituzione delle tradizionali certificazioni richieste, propri stati e requisiti personali, mediante apposite dichiarazioni firmate dall’interessato.
Nell’art. 46 del D.P.R. 445/2000 sono elencati stati, qualità personali e fatti che possono essere autocertificati.
Con la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, invece, il cittadino comunica alla pubblica amministrazione, o ai concessionari di pubblici servizi, tutti gli stati, fatti e qualità inerenti la sua persona non compresi tra i dati autocertificabili (art. 47 D.P.R. 445/2000).

Note sull’Autocertificazione
Le autocertificazioni non presentate personalmente devono essere accompagnate da una copia fotostatica non autenticata di un documento d’identità valido del sottoscrittore.
Le dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà sono sottoscritte dall’interessato in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritte e presentate unitamente a una copia fotostatica non autenticata di un documento d’identità valido del sottoscrittore.

Non sarai in grado di produrre autocertificazione se hai preso un lungo congedo. Per questo, si dovrà produrre una nota in forma per dimostrare che non stavi bene. Ogni azienda ha politiche di congedo diverse per i propri dipendenti.
 
Per ottenere una nota di adattamento, è necessario consultare il GP. Tuttavia, se il trattamento ospedaliero è in corso, è possibile procurarsi la nota di adattamento dal medico dell’ospedale. Per esempio, se il vostro malato e sotto farmaci come Germitox, è possibile ottenere una nota di malattia con tutti questi dettagli.
 
Dopo un’ulteriore valutazione, il medico può decidere se la vostra salute influisce sulla forma fisica del lavoro. In tal caso, è possibile emettere una nota di adattamento con i seguenti consigli.
–          Non adatto al lavoro.
–          Adatto per lavorare seguendo le condizioni consigliate. 
–          Potrebbe essere adatto al lavoro. Qui si può fare un po ‘di lavoro con l’aiuto e il sostegno del datore di lavoro.
Non possono essere sostituiti da dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà i seguenti certificati: medici, sanitari, veterinari, di origine, di conformità CE, di marchi o brevetti. In ogni caso non possono essere sostituiti da dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà le eccezioni espressamente previste dalla legge.
Sia l’autocertificazione che la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà sono dichiarazioni che il cittadino rende sotto la propria responsabilità, pertanto in caso di falsità o di mendacia è penalmente perseguibile.
E’ facoltà del cittadino scegliere o meno di servirsi dell’autocertificazione o della dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, mentre l’amministrazione ha l’obbligo di riceverli come se fossero certificati.